70 anni di Repubblica Italiana

Il prossimo 2 giugno 2016 la Repubblica Italiana proclamata con il referendum compirà 70 anni, una data importante anche perché segnò la prima volta in cui votarono le donne. Il ponte della Festa della Repubblica è quindi ideale per visitare alcuni luoghi storici della nostra bella Italia, dove non mancano gli spunti culturali per apprezzarla e valorizzarla.

Le Terre di Canossa

Due-querce-frecce-tricoloriLe Terre di Canossa nei pressi di Reggio Emilia sono tra i siti che si possono visitare per ammirare i numerosi castelli, tra cui quello che si è mantenuto meglio, il Castello di Bianello, e gli altri centri e monumenti che testimoniano non solo l’influenza di una figura storica come Matilde, ma anche il Rinascimento e la sua eredità architettonica. Matilde fu l’unica erede rimasta intorno al 1050 della potente famiglia dei Canossa, che governò la parte d’Italia che andava dalla Toscana fino al Lago di Garda con fermezza e grande carattere. La sua vita, la fede nella chiesa e il suo pugno duro nel difenderla sono arrivati fino ai giorni nostri e ancora è ricordata dai suoi conterranei.

Proprio a ridosso del 2 giugno, tradizionalmente l’ultima domenica di maggio, si svolge la rievocazione dell’incoronazione di Matilde, quale vicaria imperiale d’Italia per nomina del re Enrico V. La manifestazione avviene tutta in costumi d’epoca, accompagnata dallo spettacolo degli sbandieratori, dei tamburini e altri musicisti, partendo dal colle di Bianello fino alle vicinanze della chiesa parrocchiale del centro (Quattro Castella).

Intorno a Reggio Emilia si possono visitare gli antichi centri che furono signorie nel Medioevo: Guastalla, Correggio, Scandiano, San Martino in Rio, Novellara, arricchiti da musei e palazzi signorili che ricordano il regno degli Estensi, capisaldi del mecanatismo del tempo.

Il tempo libero a Reggio Emilia

La Terre di Canossa e in particolare quelle intorno a Reggio Emilia, offrono lo spunto per trascorre il tempo libero nei modi più diversi. Ad esempio, con una passeggiata tra i mercati e le fiere periodiche, mostre di pittura e scultura, spettacoli di teatro, musicali e rassegne a tema, fino alle ricche sagre della cucina emiliana e romagnola famosa in tutto mondo. La storia infatti passa anche per i piatti tipici di questa zona, che ha saputo valorizzare una cucina semplice, gustosa e che conquista tutti i palati, compresi quelli più esigenti.

Piatti tipici romagnoli

Tra i piatti tipici da assaggiare assolutamente se vi trovate nelle Terre di Canossa ci sono: i tortellini in brodo e la pasta fresca fatta a mano ripiena, l’erbazzone a base di riso e di verdure, gli gnocchi fritti, il parmigiano reggiano bagnato di aceto balsamico di Modena, il risotto alla zucca o in base ai prodotti di stagione, l’arrosto fatto in mille modi e molto altro ancora.

Se volete dunque avere un’esperienza sensoriale di questi e altri sapori, non dovete fare altro che prenotare alla Locanda Le Due Querce in provincia di Reggio Emilia e gusterete la vera cucina tradizionale delle Terre di Canossa.