A cavallo sull’Appennino Tosco-Emiliano

Passeggiate a cavallo vicino a Reggio Emilia e Modena

Andare a cavallo è una delle attività che più riconcilia con la natura che ci circonda e l’appennino tosco-emiliano risponde perfettamente a questa esigenza green, per strutture e ambiente. La zona di Cerredolo di Toano, località nei pressi di Toano, non molto lontana da Modena, ospita la Locanda Le due Querce, che si ritrova immersa in una rigogliosa foresta a circa seicento metri di altezza con una piccola chiesa proprio vicino alla struttura.

La Locanda Le due Querce permette di soggiornare con ogni comfort, immersi nel silenzio e nella tranquillità e con una vista mozzafiato sulla valle dei fiumi emiliani Dolo, Secchia e Dragone. Non solo: perché il territorio che la circonda, ricco di arte e di storia secolare, può essere attraversato comodamente a cavallo tramite le ippovie.

Sono diversi i sentieri percorribili sia a cavallo che da escursionisti che amano camminare e, tra questi, vale locanda-le-due-querce-pensione-cavallo (2)davvero la pena affrontare i sentieri Matildici, resi sicuri e praticabili dalla segnaletica CAI. Durante il tragitto sono presenti zone d’ombra e di ristoro sia per gli escursionisti che per i cavalli. I sentieri Matildici sono ispirati alla grancontessa Matilde di Canossa, una figura femminile di rilievo nel medioevo. Durante il percorso a cavallo, si attraversa quello che era il suo feudo come se ci fossero ancora in giro gabellieri a riscuotere tributi.

I Sentieri Matildici a cavallo

Questi sentieri partono dalla Rupe di Campotrera, nell’omonima riserva naturale tra le rosse cavità vulcaniche, al belvedere di San Pellegrino in Alpe sulla dorsale appenninica. Percorrendo questi sentieri si incontrano monumenti dalla eterna bellezza, tra cui il Castello di Canossa, circondato da calanchi (profondi solchi nel terreno), e la Pieve di Paullo che è un notevole esempio di architettura romanica, di cui si parla già in antichi carteggi del 980 a.c.

Sui sentieri Matildici colpisce il Castello di Sarzano sede del potere di Matilde di Canossa: oggi di quel complesso è rimasto il torrione, le mura con il portone di ingresso e la torre del campanile. Il sentiero a cavallo vi porterà al Castello delle Carpinete che con le sue fortificazioni medioevali era l’alloggio preferito di Matilde, e all’Oratorio della Madonna della Neve, con la sua croce di legno del seicento.

La Pieve di Santa Maria di Toano, altro esempio di architettura romanica, esternamente presenta la facciata a tetti spioventi e all’interno sono presenti bellissimi capitelli con figure antropomorfe e floreali.

Il giusto ristoro durante la gita a cavallo può essere trovato presso le Sorgenti di Quara presso la sponda del fiume Dolo: tra le sue gole sono presenti antichissime sorgenti termali, conosciuta sin da i tempi romani. Un giro a Morsiano vi trasporterà tra i maggi, cioè delle rappresentazioni epico-drammatiche tipiche della Garfagnana.

Come organizzare la perfetta gita a cavallo vicino a Reggio Emilia?

locanda-le-due-querce-pensione-cavallo (1)La soluzione è soggiornare presso la Locanda Le Due Querce, dove grazie al nuovo servizio maneggio potrete sostare per una breve pausa, per un pranzo rifocillante o anche per trascorrere una o più notti nei nostri confortevoli appartamenti, mentre i vostri cavalli troveranno ristoro nel nostro maneggio.

Alla Locanda offriamo infatti il servizio di pensione per cavalli, così che possiate organizzare la vostra passeggiata nei boschi e tra i fiumi della zona avendo una base tranquilla in cui rilassarvi e far riposare i vostri cavalli. Grazie alla zona collinare, la pensione/maneggio per cavalli è fresca anche d’estate e sarà l’ideale per concedervi una pausa pranzo caratteristica, con prodotti tipici della zona, mentre i cavalli saranno al riparo e in un luogo studiato per le loro esigenze.

Contattaci per info e prezzi!