La Pietra di Bismantova: itinerari e curiosità

Questo maestoso massiccio costituisce una delle più singolari montagne dell’Appennino Reggiano e supera i 1000 metri di altezza. La Pietra di Bismantova si trova nel comune di Castelnovo ne’ Monti, a meno di mezz’ora di macchina dalla nostra Locanda e si presenta come un altopiano con pareti scoscese e dalla cima piatta. Proprio per le sue dimensioni ridotte e per la sua collocazione tra le colline reggiane, separato dalle altre montagne, la Pietra ha acquisito nel tempo una crescente fama attirando l’attenzione di turisti e diventando sito di interesse comunitario.

La Pietra di Bismantova è stata, negli anni, un luogo sacro e la base di una struttura militare bizantina, ma ancora non è chiaro da dove derivi il suo nome, citato per la prima volta in un documento del 1062 in cui viene definita “Petra de Bismanto”. Il nome attuale verrà menzionato nientemeno che da Dante Alighieri nel Purgatorio della Divina Commedia.Pietra-di-Bismantova

Questa caratteristica montagna ha circa 15 milioni di anni e si sviluppa per una lunghezza di 1 km, una larghezza di 240 metri e un’altezza di 300 metri. Data la sua struttura, la Pietra ospita diverse tipologie di vegetazioni: da zone boscate a zone coperte unicamente di arbusti, fino a aree detritiche. È proprio questa varietà che, insieme alla sua forma unica, rendono la Pietra di Bismantova così interessante per escursionisti più e meno esperti.

Diversi fondi comunitari hanno reso possibile la realizzazione di un progetto denominato “SHINING Mountains”, acronimo di “Sport and Health as an Innovative Initiative for the Growth of Mountains” (sport e salute come iniziativa innovativa per lo sviluppo delle montagne). Questo ha consentito di realizzare e classificare ben 6 percorsi attorno e sulla Pietra, che consentono di godere di bellissimi panorami e di osservare la Pietra da diverse angolazioni. Tutti gli itinerari sono accessibili anche alle famiglie e senza attrezzature particolari.

Su tutti i lati, la Pietra di Bismantova è disseminata di interessanti punti da scoprire: come i grandi massi del versante sud orientale utilizzati per l’attività sportiva del sassismo, oppure la frana lunga 1 km sul lato nord orientale con l’aspetto di una pietraia, o ancora il campo dei Pianelli in cui si sono avvicendate frequentazioni preistoriche datate anche 2500 anni fa. La chiesa del 1617 conserva affreschi risalenti al XV secolo, tra cui troviamo la Madonna di Bismantova, mentre nel ciglio nord si trovano i resti del Castrum Bismantum di epoca bizantina.

 

Scarica qui la mappa della Pietra di Bismantova!

[Fonti: Wikipedia, Parcoappennino.it, Bismantova.it]