Rubiera: percorsi di storia e natura

Rubiera è un piccolo comune della provincia di Reggio Emilia, che sorge sulla sponda sinistra del fiume Secchia. Questo comune si trova sulla via Emilia ed è il centro confinante sia con la provincia di Reggio Emilia che con quella di Modena. La fondazione di questo comune risale all’anno 1190-1200, quando il comune di Reggio decise di costruire questo borgo per proteggere i confini con Modena.

Il centro storico di Rubiera testimonia il passato storico di questo piccolo paese. Sul lato meridionale della via Emilia, si può ancora oggi osservare l’Antica Parrocchiale di Rubiera, oggi adibita ad abitazione. L’edificio risale al 1302 e ancora oggi rimane l’abside medievale a testimoniare l’esistenza della parrocchia. Verso la fine del 1700, l’edificio fu abbandonato come ufficio parrocchiale ed adibito nel 1847 ad abitazione. La nuova Chiesa parrocchiale fu costruita nel 1700 dai Padri Convenutali di Rubiera e si trova sempre sulla via Emilia.

Rubiera,_torre_dell'orologio_01All’interno del borgo di Rubiera si trovano anche due importanti costruzioni civili: il Palazzo Sacrati e il Palazzo Civico. Il primo è oggi la sede del Municipio di Rubiera, mentre il Palazzo Civico è sede della Biblioteca comunale. Il Palazzo Sacrati rappresenta un chiaro esempio di struttura architettonica in stile ferrarese ed è caratterizzato da un ampio porticato al piano terra. Il Palazzo Civico è un classico edificio di epoca rinascimentale, con porticato e una massiccia torre cinquecentesca. Un altro monumento che testimonia l’origine medievale del borgo è il Forte di Rubiera, di cui abbiamo solo alcuni resti. Questa rocca con cinta muraria fu costruita nel 1200 come linea difensiva e abbattuta nel XV secolo dai Sacrati. A pochi passi dal Forte si trova anche il Teatro Herberia, un bellissimo esempio di architettura in stile liberty.

Rubiera è anche un centro ricco di percorsi naturalistici, ideali per gli amanti dello sport all’aria aperta. Per visitare la città, sono state costruite delle piste ciclabili, che collegano Rubiera alle vicine cittadine di San Faustino e Fontana. Lungo questo percorso potrete fermarvi a visitare la Chiesa romanica di San Faustino e la Chiesa romanica di Fontana. In alternativa, in moutain-bike potrete percorrere altri due percorsi ciclabili che collegano rispettivamente Rubiera a Modena, Vignola e Vaciglio, nota come ciclabile Vignolana, e quella che collega Rubiera a Campogalliano.

Rubiera fa parte anche della Riserva naturale orientata “Casse di espansione del fiume Secchia” che è una riserva artificiale, che interessa i comuni di Rubiera, Campogalliano e800px-Abside_e_torre_dell'antica_chiesa_di_rubiera_02 Modena. Partendo da Rubiera, si percorre la via Emilia in direzione Correggio e dopo pochi chilometri si arriva alla via del Rivone che conduce all’ingresso del parco. Questo polmone verde si estende per 260 ettari ed è caratterizzato da una fitta vegetazione e da specchi d’acqua. Qui potrete ammirare esemplari di tulipani selvatici, pioppi, salici, ontano bianco e nero, rarissimi nella pianura emiliana. L’elemento più apprezzato del Parco del fiume Secchia è la cassa di espansione, che sebbene sia di origine artificiale ha assunto co l tempo una rilevanza naturalistica notevole. Presso il parco di possono prenotare visite guidate e dei laboratori creativi per i bambini.

Ogni anno a Rubiera si tengono numerose feste e sagre per celebrare la natura e i prodotti tipici. Il 29 novembre ad esempio ci sarà la festa “Gnocco, salame e fantasia” nel corso della quale saranno allestiti degli stand per degustare il salame fiorettino, tradizionale della zona, vini locali, formaggi e molto altro ancora. Anche a giugno e settembre vengono organizzate delle fiere enogastronomiche, mentre a dicembre vengono allestiti i mercatini natalizi. Il 3 febbraio invece si festeggia San Biagio, patrono della città, e per l’occasione si organizzano manifestazioni e celebrazioni.